Currently Browsing: Notizie

Consulenza per laserterapia

In che cosa consiste la laser terapia

La laser terapia è una tecnica curativa basata sull’impiego dei raggi laser, la cui energia viene indirizzata mediante un dispositivo che la indirizza verso una determinata parte del corpo.

La laser terapia antalgica si pone due obiettivi principali, che sono l’attenuazione del dolore e la riduzione dei processi flogistici di tendini, muscoli e tessuti.

Il laser penetra infatti all’interno delle cellule, stimolando la vasodilatazione e migliorando il drenaggio linfatico, consentendo di ottimizzare l’ossigenazione dei tessuti e quindi la diminuzione dell’infiammazione.

Il laser è costituito da tre parti: un materiale attivo, in grado di emettere le radiazioni elettromagnetiche, un sistema di pompaggio che agisce sul dispositivo erogante e un risonatore ottico.

Il dispositivo del laser, che viene appoggiato sulla porzione anatomica che deve essere curata, emette delle radiazioni che per un tempo compreso tra 10 e 20 minuti agiscono sulla parte lesa.

Le sedute di laser terapia consentono di ottenere ottimi risultati poiché riescono ad agire in profondità e con un’elevata intensità elettromagnetica.

È importante sapere quando si usa la laser terapia poiché, pur non essendo dolorosa nè invasiva, deve comunque essere applicata soltanto in determinate condizioni patologiche, che appartengono prevalentemente alla categoria delle flogosi.

Le cellule interessate da un simile trattamento recuperano le loro funzioni vitali riequilibrando gli scambi con l’ambiente esterno, spesso deteriorato in seguito a traumi o a processi infiammatori.

La laser terapia a scopo fisioterapico potenzia anche l’attività metabolica dei tessuti, migliorando la permeabilità di membrana e la circolazione sanguigna.

Impieghi della laser terapia

La laser terapia viene considerata una vera e propria terapia fisica, la cui attività dipende da tre funzioni, che sono:
ipertermia, che consiste nel progressivo riscaldamento del tessuto e che provoca un sollievo immediato dalla percezione dolorosa, spesso associata a rigidità muscolare o articolare;
stimolazione dell’irrorazione sanguigna, che migliora la funzionalità muscolare e articolare riducendo disturbi di natura flogistica accompagnati da dolore;
potenziamento del metabolismo cellulare, utile a promuovere i processi di riparazione tessutale e di ripristino funzionale dei tessuti lesi.

Si tratta di una tecnica non invasiva e non dolorosa, che trova largo impiego in fisioterapia per la riabilitazione post traumatica oppure di time management.

I disturbi che vengono affrontati con maggiore successo dai trattamenti di laser terapia sono rappresentati da:
patologie osteoarticolari, come osteoartrosi, dolore articolare da usura delle cartilagini e artrite deformante;
patologie neuromuscolari, solitamente associate a postumi di infortuni sportivi oppure a traumi e contusioni;
tendinopatie, che colpiscono prevalentemente gli atleti oppure che derivano da attività occupazionali che implicano movimenti ripetitivi. In questi casi la laser terapia consente di accelerare notevolmente i tempi di recupero delle attività funzionali;
ematomi ed edemi, derivanti da condizioni patologiche del sistema circolatorio e linfatico;
lesioni tissutali, collegate a danni traumatici che interessano i tessuti molli di varie parti anatomiche.

In particolare, la laser terapia al ginocchio consente di ottenere risultati evidenti già dopo poche applicazioni, poiché è in grado di eliminare le problematiche sia a livello articolare che sinoviale.

Come funziona la laser terapia

Dal punto di vista biologico, gli effetti della laser terapia si distinguono in tre differenti tipi, che sono:
• effetti fotochimici;
• effetti fotomeccanici;
• effetti fototermici.

Gli effetti fotochimici consentono di attivare alcune reazioni biochimiche ed enzimatiche, tra cui il potenziamento della sintesi di ATP, che è una molecola direttamente coinvolta nella produzione di energia.

È proprio grazie a questa maggiore disponibilità energetica che si risolvono risolti i processi infiammatori di qualsiasi natura.

Oltre alla sintesi di ATP la laser terapia agisce a livello degli scambi ionici attraverso la membrana cellulare, potenziando l’azione antinfiammatoria, antalgica e biostimolante.

Gli effetti fotomeccanici, che si verificano soltanto con apparecchiature ad altissima potenza, derivano dal rapido incremento termico del tessuto, che provoca un’accelerazione del movimento della linfa, con riduzione della sindrome infiammatoria.

Infatti, riattivando la circolazione a livello dei capillari,  migliora anche quella linfatica.

Gli effetti fototermici infine sfruttano l’aumento di temperatura provocato dal laser per innescare una serie di reazioni biochimiche.

Il meccanismo d’azione della terapia con raggi laser è sfruttato prevalentemente in caso di tendinopatie, fascicoliti, infiammazioni del nervo sciatico, metatarsalgia, tunnel carpale, contratture muscolari, artrosi e sindromi edematose.

Presso il Centro Fisioterapico Aurelio, un importante centro di laser terapia a Roma, è possibile sottoporsi a trattamenti per eliminare il dolore e combattere l’infiammazione che lo ha provocato.

Gli effetti analgesici e antiflogistici del laser terapeutico sono indicati sia in condizioni acute (come quelle post-chirurgiche) che croniche (come in presenza di disturbi muscolo-scheletrici).

In alcuni casi può essere efficace intervenire con terapie laser anche prima di interventi chirurgici.

Essenze profumate per SPA

Bottles of aroma essential oil on wooden table, spa concept.

Effetti benefici degli oli essenziali

Gli oli essenziali sono sostanze profumate che vengono estratte dai vegetali e in particolare da erbe aromatiche, caratterizzate da un’estrema volatilità: questo requisito fa sì che esse evaporino molto rapidamente quando vengono esposte all’aria, e proprio su tale caratteristica si basa la loro efficacia.

Le essenze speciali per SPA e bagno turco derivano da processi di spremitura a freddo che viene seguita da distillazione ed estrazione; in natura simili sostanze svolgono funzioni di vario genere, soprattutto finalizzate al rilassamento, alla depurazione e alla rivitalizzazione della pelle.

È noto da tempo che alcuni aromi influiscono positivamente sul benessere psico-fisico dell’organismo.

Per combattere lo stress le essenze e miscele essenziali per uso professionale sfruttano le proprietà terapeutiche di alcune piante adattogene, come melissa, camomilla, lavanda, mandarino, incenso, basilico, cipresso e ylang ylang.

Per combattere gli inestetismi cutanei, come i depositi adiposi e la cellulite, un valido rimedio è costituito da oli essenziali per bagno turco a base di avocado, ginepro, rosmarino e salvia.

La gestione delle essenze nelle SPA e nei centri benessere dipende da un’attenta regia olfattiva, che consente alla clientela di assorbire pienamente gli aromi non solo con percorsi olfattivi, ma anche attraverso la pelle.

Infatti l’impiego delle essenze per sauna durante i massaggi permette di assorbire i principi attivi vantaggiosi consentendo loro di agire una volta penetrati all’interno del corpo.

La percezione di un’essenza balsamica per SPA è in grado di influenzare lo stato d’animo delle persone ancora prima dell’approccio con i vari trattamenti, questo fatto dipende dalla funzione dell’olfatto, un senso strettamente collegato al sistema nervoso centrale.

Per questo motivo, è fondamentale utilizzare adeguatamente gli oli essenziali per uso professionale nei centri benessere, poiché il messaggio olfattivo riesce ad operare su forme di comunicazione non condizionate da vista e udito, ma capaci di raggiungere direttamente le aree cerebrali.

Tipologie delle essenze profumate per SPA

Le essenze che vengono maggiormente utilizzate nelle SPA e centri benessere possono essere singole oppure combinate in vari composti.

• Nei massaggi antistress è necessario utilizzare essenze con proprietà distensive e rilassanti, come ad esempio elicriso, rosa, arancio, camomilla, salvia, lavanda e ylang ylang.

• I massaggi energetici richiedono essenze con proprietà stimolanti e rivitalizzanti come quelle offerte dalle erbe aromatiche (rosmarino, salvia, basilico e maggiorana, geranio, carota, cisto e menta).

• I massaggi rivitalizzanti, che sfruttano l’attività di ginseng, caffè verde, mandarino e arancia amara, consentono di migliorare il tono muscolare e l’elasticità della pelle.

• I massaggi calmanti, che svolgono la duplice azione di rilassare la muscolatura e attenuare le stimolazioni neurovegetative, sfruttano le proprietà di lavanda, tiglio, timo e biancospino.

Se da un lato l’utilizzo singolo delle essenze garantisce effetti sicuri, quello delle miscele richiede competenze e preparazione molto specifiche poiché è necessario conoscere a fondo gli effetti psico-fisici conseguenti alla loro miscela.

Anche se la percezione olfattiva è soggettiva, bisogna comunque tenere conto dell’estrema variabilità biologica delle piante officinali; nei centri benessere gli aromi svolgono un vero e proprio effetto terapeutico, spesso associato all’uso di incenso che potenzia la loro efficacia.

È sempre consigliabile prima di utilizzare un determinato profumo in una SPA, analizzarne la reazione soggettiva del cliente poiché non sempre e non tutti gli aromi sono bene accetti.

L’olfatto viene definito il “senso sublime”, poiché è in diretta relazione con le aree del cervello responsabili della percezione sensoriale.

Oli essenziali di qualità

La linea di oli essenziali e fragranze di alta profumeria che l’azienda Talia Essenze realizza da anni, rappresenta il risultato di un accurato lavoro di ricerca e selezione dei migliori aromi, destinati al settore cosmetico di alto livello.

Grazie a un’accurata selezione delle materie prime e di metodi di lavorazione estremamente sofisticati, è possibile ottenere risultati qualitativamente eccellenti che garantiscono la piena soddisfazione di chi ne fa uso.

Oltre alle essenze tradizionali, Talia Essenze produce fragranze di alta profumeria uniche come ambra grigia, ebano nero, nardo indiano, rosa turca, salsedine blu, zibetto e molte altre.

Destinati ai più importanti centri benessere, gli oli essenziali puri e naturali di origine biologica certificata che l’azienda Talia Essenze mette a disposizione della clientela, garantiscono risultati eccezionali.

Questi prodotti, dotati non soltanto di proprietà cosmetiche ma soprattutto terapeutiche, svolgono funzioni antisettiche, depurative, riequilibranti e diuretiche, ad esempio l’olio essenziale di limone viene considerato uno dei più efficaci elementi depurativi per bagno turco e sauna, mentre l’olio essenziale di lavanda consente di ottenere benefici influssi diuretici, antibatterici e drenanti.

Gemme colorate e zodiaco, come abbinarle per un regalo?

Le pietre preziose sono sicuramente in regalo sempre gradito. Un’idea ancor più originale, però, può essere quella di donare per un compleanno una gemma colorata che sia specifica dell’anno raggiunto oppure del segno zodiacale.
Ma come sceglierle e dove acquistarle? Ecco qualche suggerimento.

Perché regalare le gemme colorate

Le gemme colorate sono non solo belle ma vengono considerate anche portafortuna. Fin dall’antichità, infatti, i politici, i condottieri militari e i filosofi erano soliti avere una pietra preferita che portavano sempre con sè e che consideravano portatrice di buona sorte. Nel volume “Le Tradizioni Curiose sulle Pietre Preziose” scritto dall’illustre geologo G.F. Kunz è indicato chiaramente il rapporto che intercorre fra l’essere umano e la gemma preziosa alla quale il singolo individuo si sente legato: ognuno pensa che la pietra che possiede abbia delle caratteristiche speciali rispetto a tutte le altre e che queste stesse siano in qualche modo intimamente legate non solo alla personalità del possessore ma anche al suo futuro. Per questo scegliere una pietra preziosa da regalare a qualcuno non è un’operazione così banale come può sembrare ma richiede non soltanto un’approfondita conoscenza della persona ma anche del mondo delle gemme colorate.

Le pietre preziose di compleanno

Pochi sanno, ad esempio, che esiste una tabella ben specifica, che è stata realizzata nel 1912 da un organismo internazionale chiamato “I gioiellieri d’America” che ha stilato una sorta di classifica delle pietre che dovrebbero essere regalate ad ogni compleanno. Ad esempio, allo scoccare di un anno di età, l’ogetto prezioso più indicato da regalare è uno in oro giallo mentre per il secondo compleanno si deve preferire un gioiello con un granato. Il terzo compleanno è sottolineato dalle perle mentre il quarto richiede un topazio blu. La tabella continua fino allo scoccare del venticinquesimo compleanno, poi indica esclusivamente le pietre preziose che vanno regalate ogni cinque anni: il trentesimo anno è quello del Pearl Jubilee, il trentacinquesimo dello smeraldo, per i quaranta si regala un rubino e per i cinquanta uno zaffiro. Infine al sessantesimo compleanno è obbligatorio un diamante, in verità già proposto per il decimo anno di età.

Ad ogni segno zodiacale la sua pietra preziosa

Se ogni compleanno ha la sua pietra di riferimento, lo stesso si può dire per i 12 segni zodiacali. I nati sotto il segno del Toro, ad esempio, troveranno nello zaffiro la gemma perfetta dalla quale trarre forza e coraggio, mentre i Gemelli preferiranno l’agata che è la pietra che più si avvicina alle caratteristiche specifiche di questo segno. Se la festeggiata è un Leone, la pietra perfetta è l’onice mentre il segno della Vergine predilige senza dubbio la corniola. Alcuni segni zodiacali sono legati a pietre colorate che possono essere considerate abbastanza rare e insolite da trovare nella classica gioielleria. È il caso, ad esempio, della Bilancia che è legata alla grisolito oppure dello Scorpione che invece è caratterizzato dal berillo. Per concludere il calendario con gli altri segni e le pietre specifiche, va detto che la pietra del Sagittario è il citrino mentre il Capricorno è legato in modo indissolubile con il rubino che è la pietra pure dell’Ariete. L’Acquario trova la sua energia nel granito mentre il Cancro si accompagna con lo smeraldo e i Pesci con l’ametista.

Dove acquistare gemme colorate di valore

Un nome di riferimento per l’acquisto di gemme colorate di valore di ogni tipo è sicuramente quello di IGR Diamanti Roma, un istituto di gemmologia che opera da tanti anni nel settore delle pietre preziose. Qui i clienti possono trovare uno staff composto da esperti gemmologici che sono in grado di offrire non solo i consigli migliori per individuare la pietra più adatta per le esigenze del cliente ma anche di valutare nel modo più accurato possibile il reale valore delle pietre da vendere e da acquistare.
IGR offre una serie di servizi che vanno ben al di là della semplice vendita delle pietre perché offre molto di più, in quanto l’istituto di gemmologia si pone come un vero e proprio consulente pronto ad offrire le indicazioni migliori per la scelta più giusta.

Perché rivolgersi a IGR Diamanti Roma

Sono tante le gioiellerie nelle quali si possono acquistare gemme colorate e pietre preziose, allora perché rivolgersi proprio a IGR Diamanti Roma? I motivi sono numerosi. Innanzitutto solo IGR è un istituto di gemmologia, quindi i suoi esperti sono in grado di riconoscere le pietre di valore da quelle che presentano qualche difetto, proponendo alla clientela solo le gemme più preziose.
Chi decide di rivolgersi all’istituto di gemmologia per la valutazione delle proprie pietre, troverà degli esperti del settore che possono contare anche su macchinari all’avanguardia per effettuare una perizia delle gemme che scovi ogni particolare. Inoltre IGR organizza anche corsi di gemmologia per principianti e per conoscitori più esperti, così da avvicinarsi a questo mondo così complesso ma al tempo stesso altrettanto affascinante. Infine, fiducia e correttezza sono gli elementi che caratterizzano tutti i servizi offerti da questo centro di gemmologia.

Come vendere un orologio usato online

Ci sono oggetti preziosi che fanno parte della nostra vita e dei nostri ricordi ai quali teniamo particolarmente e che custodiamo con cura ed attenzione in qualche angolo sicuro della nostra casa. A volte, però, arriva il momento in cui per qualche ragione specifica non ci interessa più custodire questi oggetti di valore e allora diventa interessante rivenderli per concretizzare un buon affare. In altri casi, invece, sono le condizioni difficili che ci spingono a disfarci di questi beni di lusso – si pensi ad esempio all’attuale situazione economica particolarmente gravosa per tanti di noi – poiché abbiamo l’esigenza immediata di reperire velocemente danaro.

Se siete, dunque, fra i fortunati che posseggono un orologio prestigioso, possiamo darvi qualche utile consiglio sul come vendere orologi di pregio in tutta semplicità.

Vendere orologi usati in tutta sicurezza

Quando si possiede un orologio dall’altro valore economico, non sempre si sa a chi rivolgersi quando si vuole venderlo. La paura è sempre quella di potersi imbattere in qualche fregatura e di non riuscire ad ottenere il giusto valore dalla compravendita. A volte si pensa di dover necessariamente far parte di un entourage di ricchi per poter ricavare un ottimo guadagno dalla propria vendita, ma vi assicuriamo che per fortuna non è questa l’unica via percorribile.

On line esistono società specializzate che comprano orologi usati, effettuando la transazione in modo trasparente, corretto e professionale. Tali aziende possono garantire risultati veloci ed interessanti e non mettono a rischio il vostro capitale. Una di queste è Banco Diamanti.

Come funzionano? Il tutto è realmente molto facile. Basta inviare una fotografia ben visibile con i dettagli completi del vostro orologio a Banco Diamanti. In men che non si dica un operatore vi contatterà per farvi avere una valutazione di massima e minima in modo da darvi un’immediata idea sul possibile introito realizzabile. Soltanto se sarete soddisfatti della proposta e disposti ad accettare l’offerta, proseguirete con lo step successivo, ossia l’organizzazione del ritiro. Non dovete preoccuparvi di nulla in quanto sarà lo stesso operatore ad organizzare la spedizione, facendo ritirare il pacco da corrieri di fiducia, nel luogo e nel momento a voi più consono. Chiaramente la spedizione sarà assicurata e a carico di Banco Diamanti. Non appena l’orologio arriverà a destinazione, verrete contattati per fissare un video appuntamento durante il quale verrà effettuata la valutazione precisa e definitiva del bene e nel giro di pochi giorni, se troverete un accordo con Banco Diamanti, riceverete il vostro accredito direttamente sul vostro conto corrente.

Come vendere un orologio usato di pregio se non si è più in possesso del certificato

Il vostro orologio ha avuto sicuramente un costo molto alto, ma essendovi stato tramandato di generazione non ne possedete né la custodia né la certificazione e non sapete come fare per sapere quanto esattamente può valere? Non vi preoccupate. Sul retro di ogni orologio c’è sempre presente un codice che ne identifica la marca e il prodotto. Con tale codice di referenza sarà possibile risalire alle informazioni fondamentali di cui avete bisogno per farvi poi effettuare una valutazione dagli esperti del settore.

La valutazione finale dipenderà chiaramente dal tipo di orologio, dal modo in cui è stato tenuto, dal possesso o meno della garanzia, dall’usura causata dall’utilizzo e così via. Banco Diamanti vanta una grossa esperienza nel campo della valutazione di orologi usati e saprà farvi la miglior perizia possibile esistente oggi sul mercato. L’unica cosa di cui voi vi dovete preoccupare è di fare delle fotografie chiare dell’articolo e di comunicare quante più caratteristiche possibili dello stesso. Non ci sono limiti di sorta nel ritiro dello stesso: Rolex, Cartier, Omega, Iwc, Patek Philippe, Audemars Piguet, Jaeger Lecultre, Frank Muller e perfino Breitling sono le principali – ma non le sole – marche di orologi usati che vengono periodicamente acquistati e ben ripagati!

Scegliere l’anello con diamanti, solitario, trilogy o veretta?

Anello solitario, trilogy o veretta? Questo è il quesito che ci si pone quando si desidera investire in un anello con diamanti.
Il solitario il trilogy e la veretta sono tra i gioielli più quotati e ambiti degli ultimi anni e non sempre chi li acquista, li conosce da vicino.

Anello solitario con diamante
Il diamante solitario è sicuramente il modello più adatto per festeggiare un fidanzamento o per coronare un amore di coppia.
La singola pietra va a simboleggiare l’unico e insostituibile amore ed essendo posta in una sezione centrale e rialzata, è capace di riflettere al massimo la luce, spiccando sul dito di chi la indossa in modo considerevole.

Ovviamente le occasioni per regalare un solitario non riguardano solo l’amore di coppia, ma può essere un’ottima idea regalo per un’amica importante, una mamma speciale o per tutti quei casi in cui si desidera un omaggio che lasci senza fiato.

Il fascino dell’anello trilogy
La differenza che intercorre tra trilogy e veretta sta sicuramente nel numero di diamanti coinvolti nella realizzazione.
Questo particolare modello di anello simboleggia tre tappe importanti: passato, presente e futuro della coppia.
Un invito quindi a ricordare quello che è stato, a godersi l’oggi e accompagnarsi mano nella mano verso il domani.

Questo anello costituito da diamanti montati a griffe, è perfetto come regalo di fidanzamento e non solo.
Il trilogy è adatto per chiunque voglia ricordare e confermare la propria presenza anche nel futuro della persona festeggiata.

La veretta di brillanti
L’anello riviera con diamanti, conosciuto solitamente come “veretta” è un gioiello che ricorda in maniera considerevole, la classica fede.
Ebbene sì, un anello impreziosito da pietre mozzafiato che ricorda uno dei gioielli più importanti per le coppie.
Esistono verette di diversi tipi, con diamanti di grandezze diverse o tutti uguali.
La superficie della veretta con diamanti inoltre può essere interamente tempestata di pietre (veretta a giro) oppure fornita di 5 o 7 elementi nella sezione frontale dell’anello.

Diamanti Anversa – Acquistare diamanti certificati

A prescindere che siate interessati ad un trilogy, una veretta o un solitario, gli anelli devono essere acquistati sempre con cognizione di causa.
Mai rivolgersi a venditori improvvisati o dei quali non si conoscono bene le competenze.
Specialmente se si è neofiti nel campo, è bene chiedere aiuto a chi è esperto in pietre preziose onde evitare di imbattersi in fregature senza acquistare un meritevole anello con diamanti certificati.

Diamanti Anversa per esempio, costituisce un punto di riferimento per chi desidera acquistare gioielli con diamanti di qualità e a prezzo d’ingrosso.
Questo conosciutissimo show-room dà al cliente la possibilità di scegliere tra un vastissimo assortimento di modelli con diamanti poiché permette una creazione personalizzata dell’articolo.
Da Diamanti Anversa è possibile scegliere il tipo di montatura desiderato per poi farci incastonare i diamanti che si desiderano, tutti precedentemente sigillati e certificati.
Ecco quindi che acquistare uno splendido anello di diamanti ad un prezzo da ingrosso, non è poi così impensabile.

L’esperienza e la qualità degli articoli distribuiti sono i punti di forza di Diamanti Anversa.
La soddisfazione del cliente viene costantemente garantita da un team di esperti del settore delle gemme preziose che rimane in continua formazione sul campo.
I diamanti vengono acquistati presso i migliori istituti gemmologici internazionali riconosciuti in tutto il mondo.
All’interno del team sono presenti periti del tribunale e operatori della Borsa dei diamanti di Anversa.
Inoltre, questo negozio, vanta l’autorizzazione da parte della questura e vene solo diamanti certificati dagli unici istituti gemmologici riconosciuti a livello internazionale (IGI, GIA e HRD).

Diamanti Anversa, può vantarsi di proporre pietre a prezzi da ingrosso poiché il suo processo produttivo inizia dal grezzo e continua presso la taglieria.
In passato venivano venduti diamanti anche alle gioiellerie ma attualmente viene seguita tutt’altra filosofia, basata sulla voglia di realizzare gioielli personalizzati facendo pagare ai clienti privati solo il costo reale delle materie prime.

Questo permette a Diamanti Anversa di realizzare e vendere solamente diamanti etici e con un incredibile rapporto qualità/prezzo.

Automazione Misure e controlli, quando servono questi strumenti alla produzione industriale

Il manometro è lo strumento necessario alla misurazione della pressione e/o la forza di un determinato gas o liquido. Più precisamente però è utilizzato per misurare pressioni che risultano essere maggiori della pressione atmosferica perché nel caso in cui si debba misurare pressioni inferiori il termine del dispositivo più adatto è vacuometro e non più manometro. L’utilizzo di questo dispositivo è molto vasto, ma in ogni caso risulta essere di rilevante importanza ed essenziale alla garanzia della sicurezza. E’ uno strumento versatile, come precedentemente detto, in quanto risulta essere adatto ad essere utilizzato in diversi contesti, anche se genericamente parlando il manometro trova il suo maggior utilizzo in situazioni nelle quali deve essere misurata la differenza tra la pressione del liquido d’interesse e la pressione atmosferica nel punto in cui si fa riferimento. Nell’ambito industriale questo strumento si è rivelato una necessità nel momento in cui gli operai sono ampiamente facilitati nel monitoraggio della pressione che scorre nei tubi del gas industriali, garantendo così l’estrema sicurezza dell’impianto. Le industrie nelle quali l’utilizzo del manometro è più frequente è in quelle di fabbricazione, come ad esempio possono essere quelle petrolifere, di raffinazione ecc.
Nonostante, come precedentemente visto, lo scopo del manometro è uno, ce ne sono diverse tipologie ognuna delle quali presenta caratteristiche distintive adatte ad esigenze e situazioni differenti. Conoscerne le differenze di un modello piuttosto che un altro aiuterà a fare una scelta totalmente consapevole e congruente alle necessità della situazione.
I principali sono i seguenti:

Manometro ad U

E’ costituito come dice la parola stessa da un tubo a forma di U, il quale da una parte ha esposizione alla pressione atmosferica e dall’altra al punto d’interesse. Per riuscire a bilanciare la giusta pressione il liquido interno al tubo si sposterà da un’estremità all’altra riuscendo così a regolarla. L’estrema sua semplicità nel processo di funzione lo rende una tipologia di manometro molto poco soggetto a guasti e/o rotture, al contempo però risulta essere di risoluzione scarsa in confronto ad altre tipologie.

Manometro Bourdon

Si compongono di un tubo a sezione ellittica collegato ad un segnalatore il quale a seconda della pressione fa salire o scendere una lancetta. Questa tipologia di manometro è quello più utilizzato nell’utilizzo odierno.

Manometro a membrana

Questa tipologia viene utilizzata nelle situazioni in cui i campi di pressione sono ridotti, riuscendo così ad ottenere la massima precisione. Proprio per la sua qualità distintiva è un tipo di manometro che viene utilizzato soprattutto nelle industri chimiche e petrolchimiche. Questi manometri riescono a resistere in situazioni di sovrappressione anche fino a 3/5 volte il valore di fondo scala.
I manometri a capsula per la maggiore sensibilità riescono a misurare livelli di pressione inferiori a quelli a membrana: valore più basso 0-10 mbar.

Questi erano le principali tipologie ma vi sono anche i manometro inox bagno glicerina, a capsula, sanitari, differenziali, digitali ed a contatti elettrici.
In campo industriale sono molto utilizzati i manometri inox bagno glicerina, in quanto grazie alla presenza di questa sostanza, gli urti e le forti vibrazioni vengono ammortizzate, risultando cosi maggiormente resistente rispetto ad altri, avendo una duratura nel tempo considerevolmente più alta. I manometri digitali hanno la caratteristica di avere un display, di risoluzione differente in base al modello scelto, grazie al quale poter vedere i valori. Questi dispositivi si distinguono principalmente per l’elevata precisione e qualità di prestazione. Quelli differenziali sono invece utilizzati nella misurazione della differenza della pressione tra due punti ed indicano il valore misurato tramite un movimento meccanico. Nelle industrie alimentari o farmaceutiche viene principalmente utilizzato il manometro sanitario, il quale è caratterizzato da una membrana apposita al fine di evitare la contaminazione ed il contatto con il fluido. Quelli elettronici invece sono dotati di un dispositivo in più rispetto al solo sensore di pressione, ovvero il controller elettronico grazie al quale le funzionalità diventano maggiori.

« Older Entries